Come vincere le elezioni con i social network

Tempo di lettura: 6 minuti

La competizione elettorale non è poi tanto diversa da quella di mercato.
C’è un’offerta (il programma elettorale) e c’è una domanda (gli elettori).
Le elezioni le vince chi offre le
miglior soluzioni ai problemi degli elettori.

Oggi più che mai abbiamo a disposizione una vasta gamma di strumenti che ci consentono di posizionarci nella testa delle persone come i leader tra tutti i contendenti. Nella competizione politica nazionale e internazionale è ormai prassi comune utilizzare i social nework e altre soluzioni digitali (newsletter, sito web, ecc…) per informare sia il proprio elettorato sia per attrarre gli indecisi o i nuovi votanti.

Ma in una dimensione locale (es, Amministrative) ha senso creare una pagina e/o un gruppo Facebook, un profilo Instagram , Twitter oppure un canale Youtube?

Certo! A maggior ragione questa è la migliore opportunità per essere vicini ai propri elettori in quanto nei piccoli comuni manca la copertura approfondita e costante da parte delle televisioni e dei giornali.

Inoltre permette di effettuare una comunicazione completa, assolutamente gratuita e facilmente gestibile.


Perché devo investire tempo, soldi ed energie sui social

Oltre al fattore vicinanza con l’elettorato, la comunicazione digitale offre un monitoraggio preciso dei dati.

Avere a disposizione i dati di navigazione e di  interazione (like, commenti, condivisioni, …) consente di ottimizzare i costi e di strutturare in modo preciso tutta la campagna politica (punti programmatici inclusi).

Inoltre la pubblicità online è meno onerosa rispetto a quella tradizionale. Si è sempre a conoscenza di quanto si spende e di quanto si ottiene.

Un altro fattore positivo riguarda il cambio di abitudini: gli elettori passano più tempo online che davanti alla tv.

Inoltre c’è un altro aspetto da non sottovalutare:  la possibilità di saper attirare i media in modo spontaneo, adottando delle strategie di comunicazione che li portino a seguirci e parlare di noi in modo volontario.
Ciò significa ottenere copertura gratuita.

Non è una strada facile ma ci sono tanti casi d’esempio che dimostrano come sia possibile partire da un media inferiore (social network) nella scala gerarchica dell’informazione fino a salire in cima alla vetta (TV e quotidiani nazionali).

A livello internazionale cito Trump che ha fatto di Twitter la sua gallina dalle uova d’oro. Basta un suo tweet irriverente e subito ottiene l’invito dalle maggiori emittenti senza dover spendere un soldo per ottenere uno spazio.

A livello nazionale cito Renzi, il quale ha sempre investito tantissimo nella comunicazione digitale per arrivare a essere percepito come un politico che sta al passo con i tempi, facendo leva su un target di elettorato molto giovane. Anche Salvini sta sfruttando in modo preponderante sia Facebook che Instagram per mantenere l’attenzione su di sé.

 

Come ottenere l’attenzione dei grandi media

L’ingrediente fondamentale è il tempismo.
Bisogna seguire le notizie e commentarle con un piglio originale e fuori dagli schemi, soprattutto se sono rilevanti per il nostro programma. E’ obbligatorio stare sempre sul pezzo. Non bisogna mai lasciare spazio ai concorrenti di poter cogliere la benché minima opportunità di passarci davanti.

Ovviamente dobbiamo avere i giusti strumenti attivi, ben configurati, gestiti ed abbelliti, come ad esempio:

la pagina Facebook;
il gruppo Facebook;
il profilo Twitter;
il sito web;
il profilo Instagram;
il canale Youtube;
la Newsletter;
Le liste Broadcast su WhatsApp…

Il consiglio è di scegliere solo gli strumenti che riteniamo di poter gestire con estrema professionalità ed efficacia perché il rischio è quello di rimediare una tremenda figuraccia e di apparire così poco seri.

Il segreto per essere sempre sul pezzo, è quello di poter scrivere post o tweet senza troppi step di controllo.

Ad esempio: se devo commentare una notizia appena battuta e prima di cliccare sul tasto pubblica, la devo far verificare a 2 o 3 collaboratori e poi ottenere l’ok dal candidato principale, ho già perso il treno.

La miglior strategia è quella di considerare solo le notizie che possono arricchire la nostra potenza di fuoco. Se nel nostro programma politico abbiamo inserito certe soluzioni in tema di sicurezza, dobbiamo assolutamente dire la nostra su tutte quelle notizie riguardanti quell’argomento cercando di affermare il nostro punto di vista usando anche termini forti che scatenino dibattito. Oppure utilizzare le notizie per indebolire la proposta dei nostri avversari.

I dati OCSE dicono che l’Italia ha il 48% di analfabeti funzionali, perciò è fondamentale usare frasi corte con parole semplici.

Se proprio dobbiamo fare un discorso lungo è meglio optare per un video, ricordando di sottotitolarlo poiché gli utenti molto spesso lo guardano con l’audio disattivato.


Quali strumenti utilizzare per avere notizie fresche di giornata

Profili Twitter
Twitter è ancora il re incontrastato per ottenere notizie flash immediate. Bisogna seguire tutti quei personaggi e quotidiani (nazionali e locali) che rientrano nei nostri interessi. Evitate assolutamente di cadere nel tranello di seguire quelli che possono piacere a livello personale!

Pagine Facebook
Le notizie online tendono a viaggiare alla velocità della luce e molto spesso le pagine Facebook sono il primo punto di approdo dopo la pubblicazione sul sito online della testata giornalistica (ovviamente da tenere sotto controllo). Come ho detto prima per Twitter, anche in questo caso bisogna mettere il like alle pagine che reputiamo utili alla nostra causa e attivare le notifiche in modo da essere immediatamente avvisati appena viene aggiunto qualsiasi nuovo contenuto. Teniamo monitorati i commenti e la tipologia dei like.

Gruppi Facebook
I gruppi Facebook hanno una funzione leggermente diversa rispetto al focus di ottenere notizie flash ma li inserisco ugualmente perché possono essere fonte di arricchimento per i nostri post. Dobbiamo seguire solo quelli che reputiamo utili alla causa (non mi stancherò di ripeterlo viste le esperienze che ho avuto in passato con alcuni clienti per i quali ho seguito le loro campagne politiche) e tenere traccia di tutte quelle discussioni che vengono aperte dai membri.

Se stiamo per concorrere alla poltrona di Sindaco di Vattelapesca (nome inventato), dobbiamo cercare tutti i gruppi relativi al paese di Vattelapesca.  

Google News:
E’ uno strumento fondamentale per avere sottomano le ultime notizie e fare una ricerca mirata. E’ di semplice utilizzo perché basta inserire nel campo di ricerca ciò che desideriamo trovare.

link: https://news.google.com/?hl=it&gl=IT&ceid=IT:it


google-news


Google Trends:

Un altro strumento potentissimo per essere sempre sul pezzo è Google Trends. E’ molto semplice da utilizzare perché funziona come Google Search (il motore di ricerca per antonomasia).

Questo è il link: https://trends.google.it/trends/?geo=IT

Una volta caricata la home page di Google Trends basta scrivere la parola o l’argomento desiderato nel campo di ricerca. Subito compariranno i suggerimenti collegati alla nostra ricerca.

campo-di-ricerca-google-trends

Una volta confermata la ricerca, vedremo i risultati annessi e capiremo immediatamente quanto quell’argomento sia o meno sentito dal pubblico al quale ci vogliamo rivolgere.

google-trends

regioni-google-trends

Possiamo poi vedere le performance degli  argomenti correlati e delle query associate. Da questo momento in poi abbiamo la possibilità di costruire il nostro calendario editoriale della giornata.

argomenti-correlati-google-trends


Conclusioni

Le elezioni si vincono solo se si informa adeguatamente il target di persone che abbiamo scelto.
E’ vero che il miglior risultato possibile è quello di arrivare a tutti quelli aventi diritto di voto ma, essendo un discorso alquanto utopistico (non si può piacere a tutti), è fondamentale non lasciare mai nulla al caso e tenendo il focus della comunicazione sul nostro gruppo forte di elettori i quali poi condividendo i nostri contenuti (ambasciatori), cattureranno l’attenzione dei curiosi e degli indecisi.

Nella strategia di base saranno ovviamente incluse delle tattiche per informare anche chi non ci conosce, ci avversa e chi ci sta ancora valutando. Non si lascia nulla sul campo.

Le elezioni sono una maratona, non una corsa a scatto. Perciò bisogna saper dosare il fiato, cioè i contenuti. Essi vanno dosati nel tempo e programmati a dovere. Mentre per quanto riguarda le notizie flash, bisogna agire nell’immediato.

Ricordiamoci che tutte le persone sono soggette a mille distrazioni e la cosa più difficile da ottenere è che vadano a votare motivati e che lo facciano per il nostro partito/lista civica.

Perciò è fondamentale poter dare tutte le informazioni possibili ed essere sempre sulla bocca di tutti, utilizzando quanti più strumenti (media online e offline) in modo coordianto rispettando sempre la strategia di base.

LA CONOSCENZA è FORZA!

Iscriviti alla mia newsletter se desideri rimanere aggiornato sulle strategie che possono aiutarti a combattere la crisi, la concorrenza spietata e i “guru” dalla soluzione immediata.



Lascia un commento